La luce che brilla sui tetti



La storia di Lucilla, Andrea e Sauro, che si trovano, si feriscono e si ritrovano, sullo sfondo di un grande ospedale all’avanguardia, dove la speranza e il dolore siedono ogni giorno allo stesso tavolo.

“La luce che brilla sui tetti” è un romanzo, racconta l’invenzione di una realtà che non esiste. Non nel mondo tangibile almeno. Inutile cercarmi nei personaggi e illudersi di scovare analogie tra la mia vita e quella di Lucilla, la protagonista insieme ad Andrea e a Sauro. Eppure.

Mai come in questo romanzo ho attinto emozione da emozione, ritratto da ricordo, amore da abbracci ricevuti o stupidamente non dati. “La luce che brilla sui tetti” è il romanzo della mia rinascita da un periodo di dolore profondo, è davvero – per me – la luce che a un certo punto ha iniziato e risplendere indicandomi la via. In questo senso, e solo in questo, considero il romanzo un figlio della mia vita di donna.

Lucilla è una senologa piena di empatia e contraddizione: lavora in un centro oncologico e ha un’amicizia profonda e a tratti ambigua (quali sono i confini tra amici?) con il cardiologo Sauro de Santis, un uomo pieno di fascino che attrae le attenzioni di colleghe e pazienti e ha una passione per il paracadutismo. Andrea è il nuovo direttore generale del centro oncologico, e al suo apparire in un contesto aziendale per lui del tutto nuovo incontra e si scontra, aprendo maldestro una porta, con Lucilla: come nei migliori colpi di fulmine, questa casualità porta a un’attrazione che forse potrà concretizzarsi, anche se un ospedale è il luogo peggiore per coltivare un amore, ed essere vedovo recente di una moglie amatissima non aiuta granché.

Lucilla è un chirurgo ma ha doni speciali: vede l’Aura della gente, intuisce eventi prima che accadano, crede alla pranoterapia e la pratica in un ambulatorio privato fuori dall’ospedale; è una donna strana, la cui passione può trasformarsi in rabbia e antipatia violenta, cerca di mettere insieme scienza e mistero e su questo connubio a volte impossibile costruisce anche l’amore. Finché il suo istinto le dice che a Sauro potrebbe accadere qualcosa.

Intorno a Lucilla, Andrea e Sauro vediamo i pazienti e i colleghi dell’ospedale: c’è Michela, una paziente che Lucilla segue da anni e a un certo punto si ammala di nuovo, c’è il chirurgo toracico universitario Raganelli che sembra incarnare il peggio e il meglio dell’università e della medicina, ci sono i cugini Kloft che hanno creato l’ospedale e sono per questo amati e odiati. E, da qualche parte tra Piacenza e la Liguria, c’è anche una strada dove i motociclisti amano correre e dove Lucilla scopre se stessa durante una gita con Andrea.

“La luce che brilla sui tetti” è un romanzo dedicato ad alcune persone che amo moltissimo. Non ho voluto mascherare, se non in modo debolissimo, che il personaggio di Sauro è il ritratto di Mario Sideri: lui è la mia luce che brilla sui tetti.

MariaGiovanna Luini


 

Kind words from our lecturers

  • Uno stato di grazia che solo pochi narratori sanno trasmettere.

    Donato Carrisi

  • «Stile e grazia sono la cifra stilistica di una scrittura capace di sceneggiare situazioni, potenzialmente pericolose per l’equilibrio del racconto, e di risolverle con brillantezza e garbo.»

    Bresciaoggi

  • «La scrittura di Maria Giovanna Luini resta essenzialmente un’emozione fondamentale, un’insuperabile e coinvolgente malinconia.»

    Il Mangialibri

  • «Con uno stile lieve ma mai scontato, Luini intreccia storie d’amore. E ogni personaggio riesce, a modo suo, a metterci di fronte alle più terribili paure.»

    La Gazzetta del Mezzogiorno

Recent posts

Play video

Personal

Hello world!

By MariaGiovanna on maggio 21, 2016

Benvenuti nel mondo della Luce che Brilla sui Tetti! Vi lascio qui il mio messaggio…  

Read more
Read more

Presentazioni libro

Auguri Mario!

By MariaGiovanna on aprile 13, 2017

14 aprile festeggiamo il compleanno di Mario Sideri – Sauro de Santis del romanzo. Ho deciso di inviare la mia gioia, l’amore e la gratitudine a Mario regalando “La luce che brilla sui tetti” con…

Read more

Personal

La Luce brilla anche in agosto

By MariaGiovanna on agosto 10, 2016

Ci sono canti e ore, e abbracci e pensieri. Un libro è tutto questo ed è molto altro. Un libro è connessione potente o disgregazione acuta, è salute e malattia, è respiro e paura asfittica…

Read more

Personal

Più piano sentire

By MariaGiovanna on luglio 28, 2016

Ancora non mi convince: non sono sicura che ascoltare musica mentre scrivo sia utile alla creatività, ma ci provo. Siedo alla scrivania, apro il file del romanzo nuovo e scelgo musica classica: un’ignorante come me…

View more